Business Navigator

La rotta per lo sviluppo della tua impresa
Business Navigator

Da oggi è ancora più facile e conveniente ottenere il tuo BUSINESS NAVIGATOR.

CONTATTA I NOSTRI CONSULENTI DI FINANZA INTEGRATA

 

logo cosvim confidi
  • scrivici
  • FAQ
  • logo cosvim confidi
    area riservata cosvim advice
  • scrivici
  • FAQ
  • cosvim advice
  • Atti del convegno di Amandola: “Terremoto: Ricostruire Chi e Cosa?”

    Atti del convegno di Amandola: “Terremoto: Ricostruire Chi e Cosa?”
    13/02/2017

    Atti del convegno di Amandola: “Terremoto: Ricostruire Chi e Cosa?”

    Presso l’auditorium Vittorio Virgili di Amandola domenica 12 febbraio  si è tenuto il convegno dal titolo: Terremoto: Ricostruire Chi e Cosa? Le Comunità Sociali per un Nuovo Sviluppo. 

    Pubblichiamo le “slide” relative alla comunicazione del GRUPPO COSVIM  a favore delle imprese colpite dal terremoto.

    A breve le nuove “slide”  con le novità sul “terzo decreto terremoto” pubblicato in Gazzetta il 9 febbraio 2017.

    SLIDE CONVEGNO

    Per saperne di più sugli interventi del convegno, segnaliamo l’articolo di Adolfo Leoni.

    «Occorre una infinita pazienza di ricominciare». Padre Gianfranco Priori lo dice a sé e lo dice a quanti ieri mattina, ad Amandola, hanno preso parte all’incontro promosso dalla Fondazione San Giacomo della Marca. Sembra echeggiare il Cesare Pavese di «È bello vivere perché vivere è cominciare, sempre adogni istante». L’auditorium Virgili è stracolmo di gente attenta. Il Rettore del Santuario della Madonna dell’Ambro parla dei danni non solo materiali del terremoto. Anche psicologici: «un terremoto dell’anima». L’uomo non ha solo bisogno del mattone, ma di identità, amore, compagnia». Patrizia Vita aveva un B&B a Ussita. Il terremoto gliel’ha portato via. Lei è rimasta, in roulotte, insieme ad altre nove persone. È nata una «piccola comunità e una nuova avventura». Si sta insieme, si gioca a briscola, ci si interroga sul futuro. Ha riaperto un ristorante. Una piccola speranza. «Mettersi insieme» è il metodo. Cambiare modello di economia la riposta. Roberto Di Mulo ha un’azienda (Angolo di Paradiso) e sei figli da tirar su, a cui trasmettere passione per lavoro e territorio. Andarsene sarebbe semplice. Restare è una sfida. Il futuro? Zootecnica, agro-alimentare, impegno per la salvaguardia del territorio e le sue creature, anche per le mucche e gli altri animali stressati dal sisma a cui Roberto ha cambiato alimentazione: ancora più sana per un prodotto ancor più sano. «Siamo precari, non onnipotenti». Apre così il suo intervento Massimo Valentini, presidente della Fondazione San Giacomo della Marca. «Ci si batte sull’efficienza del potere e sulla ricostruzione immobiliare. Ma si sottace il punto decisivo: il soggetto uomo». Valentini insiste sulla necessità delle micro imprese, sulla zona franca, sulla fiscalità di vantaggio, sull’inopportunità di una industrializzazione dei Sibillini. Ma prima di tutto, sottolinea, il terremoto obbliga ad un cambiamento di sé.

    LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO

    Potrebbe interessarti anche: