Business Navigator

La rotta per lo sviluppo della tua impresa
Business Navigator

Da oggi è ancora più facile e conveniente ottenere il tuo BUSINESS NAVIGATOR.

Grazie al VOUCHER DELLA CCIAA DI FERMO potrai richiedere un contributo che abbatte la spesa di consulenza.

 

logo cosvim confidi
  • scrivici
  • FAQ
  • logo cosvim confidi
    area riservata cosvim advice
  • scrivici
  • FAQ
  • cosvim advice
  • REGIONE UMBRIA POR FESR 2014-2020: SOSTEGNO DEGLI INVESTIMENTI INNOVATIVI 2018

    REGIONE UMBRIA POR FESR 2014-2020: SOSTEGNO DEGLI INVESTIMENTI INNOVATIVI 2018
    30/05/2018

    SOGGETTI BENEFICIARI

    Possono partecipare le piccole e medie imprese rientranti nel Manifatturiero e Servizi, con una riserva del 50% per le aziende del tessile, del legno arredo e della ceramica. In tutti i casi verrà fatta la verifica dei codici ATECO ammissibili.

     

    OGGETTO DEL CONTRIBUTO

     Sono finanziabili gli investimenti finalizzati all’introduzione in azienda di innovazioni di prodotto e/o processi di rilevante innovazione di processi produttivi ed all’ampliamento della capacità produttiva dell’azienda stessa.

    Il costo totale del progetto deve essere compreso entro il limite minimo pari ad € 50.000,00 ed il limite massimo pari ad € 1.000.000,00. Non sono ammesse variazioni al programma di investimento che comportino una riduzione al di sotto del limite minimo.

    Le spese ammissibili a contributo devono essere riferite ad interventi avviati dall’impresa dopo la presentazione della domanda e comunque fatturate a partire dal giorno successivo a quello di presentazione della domanda.

     

    MISURA DEL CONTRIBUTO

    Il contributo concedibile è calcolato in riferimento alla spese ritenute ammissibili al netto dell’IVA e di ogni altro onere accessorio e finanziario. La misura delle agevolazioni per i beni materiali ed immateriali va da un minimo del 10% ad un massimo del 30% degli investimenti a seconda della dimensione aziendale e del suo regime contabile:

    1. REGIME ORDINARIO: 20% per piccole imprese e 10% per medie imprese
    2. REGIME ORDINARIO ZONE ASSISTITE: 30% per piccole imprese e 20% per medie imprese
    3. AIUTI “DE MINIMIS”: 25%

     

    SPESE AMMISSIBILI

     Le spese possono essere riferite all’acquisto diretto e all’acquisto in locazione finanziaria (unicamente con contratti sottoscritti con le società di leasing operanti sul territorio regionale e convenzionate con la regione Umbria) delle seguenti immobilizzazioni:

    1. impianti produttivi, macchinari ed attrezzature, comprese le attrezzature ed utensili necessari e funzionali ai nuovi macchinari e fatturati dal medesimo fornitore contestualmente al bene principale;
    2. brevetti ed altri diritti di proprietà industriali;
    3. programmi informatici esclusivamente connessi alle esigenze di automazione e gestione tecnica del ciclo produttivo nel quale vengono inseriti i nuovi investimenti per un massimo del 15% della somma di tutte le altre voci di spese inserite nel progetto;
    4. opere murarie ed impiantistiche (elettriche ed idrauliche) occorrenti per l’installazione ed il collegamento dei macchinari acquisiti e dei nuovi impianti produttivi, fino al limite massimo complessivo del 10% del valore del bene principale a cui si riferiscono.

     

     

    TERMINI DI PRESENTAZIONE

    Le richieste dovranno essere compilate e presentate alla Regione Umbria esclusivamente mediante la piattaforma informatica http://bandi.regione.umbria.it a partire dalle ore 10,00 del 9 maggio e fino alle ore 12,00 del 22 giugno 2018.

    Ai fini della redazione e presentazione delle domande di ammissione al contributo l’impresa dovrà disporre:

    1. dell’accreditamento sul sistema FED Umbria
    2. marca da bollo € 16,00
    3. indirizzo PEC valido e funzionante
    4. certificato di firma digitale del legale rappresentante, in corso di validità.

     

    DOCUMENTAZIONE DA PRODURRE

    Durante la compilazione delle domande dovranno essere inseriti, mediante upload nell’apposita sezione, i seguenti allegati:

    1. dichiarazione sostitutiva di vigenza;
    2. copia dei preventivi di spesa;
    3. prospetto previsionale dell’incremento occupazionale.

     

    SPESE ESCLUSE

     

    In generale sono escluse le spese:

    1. relative ad interventi avviati in data pari o anteriore alla presentazione della domanda;
    2. non afferenti la sede operativa indicata nel progetto;
    3. effettuate e/o fatturate all’impresa beneficiaria dal legale rappresentante, dai soci dell’impresa e da qualsiasi altro soggetto facente parte degli organi societari della stessa, da società con rapporti di partecipazione al capitale sociale, da società nelle quali siano presenti nella compagine sociale i soci e i titolari di cariche e qualifiche, ovvero i loro coniugi e parenti entro il terzo grado;
    4. relative a rimborsi spese (vitto, alloggio, trasferimenti, ecc.);
    5. relative ad imposte e tasse, interessi passivi, spese notarili, concessioni, collaudi ed oneri accessori (spese di trasporto, spese bancarie, ecc.);
    6. relative alle normali spese di funzionamento e/o connesse alle attività ordinarie dell’impresa quali consulenza fiscale, consulenza legale e pubblicità;
    7. relative a progetti realizzati in economia od oggetto di autofatturazione;
    8. relative a beni usati e/o a beni oggetto di revamping (rinnovamento, rimodernamento);
    9. relative a contratti di assistenza e/o manutenzione;
    10. effettuate in forma diversa dall’acquisto diretto e della locazione finanziaria;
    11. progetti do modifiche do routine o periodiche anche qualora gli interventi rappresentino dei miglioramenti.

     

    Sono altresì escluse le spese sostenute per:

    1. sostituzione di beni della stessa tipologia già esistenti ed utilizzati nel ciclo produttivo;
    2. interventi non direttamente funzionali al programma di agevolazione, spese di adeguamento per obblighi di legge, manutenzione ordinaria e straordinaria;
    3. immobili e relative opere murarie (acquisto, costruzione, ampliamento, ristrutturazione, ecc.) ad eccezione degli interventi necessari per l’installazione ed il collegamento dei nuovi impianti produttivi e macchinari acquisiti;
    4. impianti tecnici generali;
    5. parti o componenti di macchine ed impianti non siano autonomamente funzionabili;
    6. tutti i mezzi, targati e non, destinati al trasporto di cose, merci, persone;
    7. acquisizione di hardware e software riconducibili in senso stretto a singole postazioni di lavoro;
    8. tutte le attrezzature utilizzabili per attività amministrative;
    9. materiale di arredamento;
    10. materiale di consumo;
    11. spese sostenute da soggetto diverso da quello che materialmente ha eseguito l’opera o la prestazione.

     

    MODALITA’ DI VALUTAZIONE

    La procedura di selezione delle domande sarà effettuata tramite una procedura valutativa a sportello.

    Gli investimenti risulteranno ammissibili se raggiungeranno il punteggio uguale o superiore a 40, attribuito sulla base dei seguenti indicatori:

    1. Incremento occupazionale (max 20 pt)
    2. Rilevanza patrimoniale dell’investimento (max 18 pt)
    3. Innovatività dell’investimento (max 50 pt).

     

    EROGAZIONE CONTRIBUTO

    L’impresa beneficiaria dovrà confermare la volontà di attuare gli investimenti entro i 15 giorni successivi al ricevimento della comunicazione di concessione.

    L’intero progetto dovrà essere realizzato entro il termine dei 6 mesi dalla data di ricezione della comunicazione di concessione.

    L’impresa potrà richiedere un anticipo del 40% del contributo concesso effettuandone richiesta utilizzando il sistema informatico http://smg2014.regione.umbria.it/home  allegando copia della polizza fidejussoria, assicurativa o bancaria la quale dovrà essere inviata in originale tramite raccomandata AR.

    Per il saldo del contributo spettante, l’impresa dovrà presentare apposita richiesta, sempre tramite procedura informatica, entro i 30 giorni successivi al termine ultimo di realizzazione del progetto ammesso (6 mesi dalla data di ricezione della comunicazione di concessione).

     

    RENDICONTAZIONE DEL PROGETTO

    La documentazione pervenuta per l’erogazione del contributo verrà esaminata per verificare l’attuazione del progetto. La rendicontazione dovrà evidenziare la realizzazione dell’incremento occupazionale previsto e la documentazione giustificativa delle spese ammesse.

    Le spese risulteranno ammissibili se effettuate in data successiva all’invio della domanda di ammissione.

     

     

    Vuoi essere sempre aggiornato sui nostri servizi?
    Iscriviti alla nostra newsletter, clicca qui!

    Potrebbe interessarti anche: