Business Navigator

La rotta per lo sviluppo della tua impresa
Business Navigator

Da oggi è ancora più facile e conveniente ottenere il tuo BUSINESS NAVIGATOR.

Grazie al VOUCHER DELLA CCIAA DI FERMO potrai richiedere un contributo che abbatte la spesa di consulenza.

 

logo cosvim confidi
  • scrivici
  • FAQ
  • logo cosvim confidi
    area riservata cosvim advice
  • scrivici
  • FAQ
  • cosvim advice
  • SISMA 2016: SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PRODUTTIVI PER IL RILANCIO DELLA CRESCITA ECONOMICA E DELLA COMPETIVITA’

    SISMA 2016: SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PRODUTTIVI PER IL RILANCIO DELLA CRESCITA ECONOMICA E DELLA COMPETIVITA’
    06/09/2018

    OBIETTIVI

    Sostenere la ripresa degli investimenti delle imprese nelle aree colpite dal sisma del 2016, con l’obiettivo di favorire i processi di ammodernamento, ristrutturazione aziendale, diversificazione ed internazionalizzazione. Riqualificare il tessuto produttivo incentivando prevalentemente gli investimenti innovativi, con priorità per quelli negli ambiti individuati dalla Strategia di Specializzazione Intelligente, in grado di generare impatti positivi in termini di riduzione dei consumi energetici e di sostenibilità ambientale e con ricadute significative sull’occupazione.

    DOTAZIONE FINANZIARIA

    10.000.000,00 Euro a valere sul Programma Operativo Regionale (POR) Marche – Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) 2014/2020 Asse 8 – Intervento 21.1.1.

    BENEFICIARI

    Micro, Piccole e Medie imprese IN FORMA SINGOLA con sede nei comuni colpiti dal sisma indicati nell’Allegato 1 del POR MARCHE FESR 2014-2020 (vedasi Appendice A.2). Inoltre, tra gli altri requisiti, devono:

    1. essere attive ed avere l’attività economica principale come risultante dal certificato CCIAA alla data di presentazione della domanda, rientrante nelle attività identificate dai codici ATECO 2007 indicati nell’Appendice A.1 in allegato;
    2. avere l’unità produttiva sede dell’investimento nelle aree dei comuni colpiti dal sisma indicate nell’Allegato 1 del POR MARCHE FESR 2014-2020 e riportate nell’Appendice A2 del presente bando in allegato; per le imprese prive di sede dell’investimento nelle suddette aree al momento della domanda, detto requisito deve sussistere al momento del primo pagamento (a titolo di anticipo o di stato avanzamento lavori); in ogni caso l’investimento per il quale si richiede l’agevolazione deve essere realizzato nelle suddette aree.

    SOGLIE DI INVESTIMENTO

    Il costo complessivo del progetto ammesso alle agevolazioni dovrà essere compreso tra un minimo di € 200.000,00 ed un massimo di € 5.000.000,00.

    INTERVENTI FINANZIABILI

    Possono essere ammessi alle agevolazioni i progetti che prevedono la realizzazione di investimenti produttivi, prioritariamente negli ambiti tecnologici individuati dalla “Strategia per la ricerca e l’innovazione per la specializzazione intelligente della Regione Marche”, finalizzati:

    1. alla creazione di una nuova unità produttiva;
    2. all’ampliamento di un’unità produttiva esistente;
    3. alla diversificazione della produzione mediante prodotti aggiuntivi;
    4. alla ristrutturazione di un’unità produttiva esistente;
    5. all’acquisizione di un’unità produttiva esistente, di proprietà di un’impresa non sottoposta a procedure concorsuali.

    SPESE AMMISSIBILI

    Sono ammissibili alle agevolazioni, conformemente a quanto disciplinato nell’Appendice A.4 le spese strettamente necessarie alla realizzazione e messa in funzione dell’unità produttiva che riguardano:

    1. a) suolo aziendale e sue sistemazioni nel limite del 10% dell’investimento complessivo ammissibile;
    2. b) opere murarie ed assimilate, immobili destinati ad infrastrutture specifiche aziendali;
    3. c) macchinari, impianti, ed attrezzature varie, nuovi di fabbrica ad eccezione di quanto previsto per gli investimenti di cui al punto e) di cui sopra strettamente necessari al ciclo di produzione/erogazione dei servizi;
    4. d) programmi informatici, brevetti, licenze, know‐how e conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi, per la parte in cui sono utilizzati per l’attività svolta nell’unità produttiva interessata dal progetto;
    5. f) servizi di consulenza strettamente connessi al programma di investimento, nel limite del 5% dell’investimento complessivo ammissibile.

    I beni ammissibili possono essere acquistati mediante le modalità di seguito specificate:

    1. pagamento in rimessa diretta tramite fattura;
    2. pagamento in locazione finanziaria (leasing nella forma dell’aiuto all’utilizzatore).

    I contratti in locazione finanziaria stipulati per l’acquisto dei beni ammissibili a contributo debbono contenere una clausola per il riacquisto oppure prevedere una durata minima pari alla vita utile del bene oggetto del contratto. L’importo massimo ammissibile a contributo non deve superare il valore di mercato del bene dato in locazione finanziaria.

    TERMINI DI AMMISSIBILITA’ DELLA SPESA E TEMPISTICA DEGLI INVESTIMENTI

    I progetti dovranno essere avviati successivamente alla data di presentazione della domanda di agevolazione e comunque entro 30 giorni dalla data in cui le imprese ricevono la comunicazione di concessione delle agevolazioni, fatta eccezione per i progetti che presentano spese retroattive in “de minimis”, il cui avvio dovrà essere successivo al 1 gennaio 2018.

    Sono ammissibili le spese sostenute (fa fede la data di fatturazione) a decorrere dalla data di avvio del progetto e fino alla data di conclusione dello stesso.

    I progetti dovranno concludersi entro 730 giorni dalla data di avvio del progetto, salvo proroghe autorizzate.

    INTENSITA’ AGEVOLAZIONE

    L’aiuto consiste in un contributo in conto capitale sul totale delle spese ammissibili per gli investimenti materiali ed immateriali secondo le intensità riportate nella tabella sottostante, diversificate in base alle tipologie di intervento e alla normativa di riferimento:

    Le agevolazioni concesse con il presente bando sono cumulabili:

    • con altre agevolazioni pubbliche previste a livello comunitario, nazionale e regionale, se riguardano costi ammissibili diversi;
    • sugli stessi costi ammissibili con altre agevolazioni pubbliche previste da norme comunitarie, nazionali (es. legge Sabatini), regionali, che siano qualificate come “aiuti di stato” ai sensi dell’art. 107, comma primo, del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea, nonché con contributi pubblici concessi ai sensi del regolamento (UE) 1407/2013 “de minimis”, purché il cumulo non comporti il superamento delle intensità di aiuto più elevate nel Capo III del Regolamento (UE) 651/2014 o importi di aiuti più elevati applicabili in base al Regolamento (UE) 651/2014, in base ad altri Regolamenti di esenzione o ad altre decisioni della Commissione;
    • con le agevolazioni che non siano qualificabili come aiuti di stato ai sensi dell’art. 107, comma 1 del Trattato TFUE.

    MODALITA’ E TEMPISTICHE DI PRESENTAZIONE DOMANDA

    La domanda deve essere compilata on line utilizzando la procedura di invio telematico disponibile all’indirizzo internet  https://sigef.regione.marche.it  mediante:

    • caricamento su SIGEF dei dati previsti dal modello di domanda (Allegato 1);
    • caricamento su SIGEF degli allegati;
    • sottoscrizione della domanda da parte del richiedente in forma digitale mediante specifica smart card o altra carta servizi abilitata al sistema; è a carico dei richiedenti la verifica preventiva della compatibilità con il sistema della carta servizi che intendono utilizzare.

    La domanda di aiuto è soggetta al pagamento dell’imposta di bollo di € 16,00.

    La domanda di partecipazione potrà essere presentata a partire dalle ore 10:00 del 10 settembre 2018 e fino ad esaurimento dei fondi disponibili

    APPENDICE A.1

    Sono ammessi all’intervento gli investimenti finalizzati all’esercizio delle seguenti attività economiche (classificazione ATECO 2007):

    C. ATTIVITA’ MANIFATTURIERE

    E. FORNITURA DI ACQUA; RETI FOGNARIE, ATTIVITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI E RISANAMENTO, limitatamente ai codici:

    – 37.00.0 RACCOLTA E DEPURAZIONE DELLE ACQUE DI SCARICO;

    – 38.1             RACCOLTA DEI RIFIUTI;

    – 38.2             TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI;

    – 38.3             RECUPERO DEI MATERIALI;

    F. COSTRUZIONI

    H. RASPORTO E MAGAZZINAGGIO, limitatamente al codice:

    – 52 MAGAZZINAGGIO E ATTIVITÀ DI SUPPORTO AI TRASPORTI CON ESCLUSIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO;

    J. SERVIZI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE, limitatamente ai codici:

    • TELECOMUNICAZIONI
    • PRODUZIONE DI SOFTWARE, CONSULENZA INFORMATICA E ATTIVITÀ CONNESSE
    • ATTIVITÀ DEI SERVIZI D’INFORMAZIONE E ALTRI SERVIZI INFORMATICI

    M. ATTIVITÀ PROFESSIONALI, SCIENTIFICHE E TECNICHE, limitatamente ai codici:

    • ATTIVITÀ DEGLI STUDI DI ARCHITETTURA E D’INGEGNERIA, COLLAUDI ED ANALISI TECNICHE
    • RICERCA SCIENTIFICA E SVILUPPO
    • ALTRE ATTIVITÀ PROFESSIONALI, SCIENTIFICHE E TECNICHE

    N. NOLEGGIO, AGENZIE DI VIAGGIO, SERVIZI DI SUPPORTO ALLE IMPRESE, limitatamente al codice:

    – 82.92 ATTIVITÀ DI IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO PER CONTO TERZI;

    S. ALTRE ATTIVITÀ DI SERVIZI, limitatamente al codice

    – 96.01.01 ATTIVITÀ DELLE LAVANDERIE INDUSTRIALI;

    APPENDICE A.2: COMUNI COLPITI DAGLI EVENTI SISMICI DEL 2016 (AREA CRATERE E LIMITROFI) E COMUNI RICADENTI NELLA CARTA DEGLI AIUTI A FINALITÀ REGIONALE 2014/2020– AREA EX ART. 107 3.C  

     

     

    Vuoi avere maggiori informazioni?
    Contatta i nostri consulenti!

     

    Potrebbe interessarti anche: