Business Navigator

La rotta per lo sviluppo della tua impresa
Business Navigator

Da oggi è ancora più facile e conveniente ottenere il tuo BUSINESS NAVIGATOR.

Grazie al VOUCHER DELLA CCIAA DI FERMO potrai richiedere un contributo che abbatte la spesa di consulenza.

 

logo cosvim confidi
  • scrivici
  • FAQ
  • logo cosvim confidi
    area riservata cosvim advice
  • scrivici
  • FAQ
  • cosvim advice
  • REGIONE MARCHE: IMPRESA E LAVORO 4.0

    REGIONE MARCHE: IMPRESA E LAVORO 4.0
    14/01/2019

     

    FINALITA’

    Con il presente intervento la Regione Marche intende favorire reali processi di innovazione tecnologica e digitale in un’ottica di Impresa 4.0 nelle micro, piccole e medie imprese (MPMI)  marchigiane, attraverso il sostegno a nuovi investimenti materiali ed immateriali che siano in grado di produrre un impatto sulla loro catena del valore, rafforzandone la produttività e la competitività. Il contributo è cumulabile con l’agevolazione fiscale Iperammortamento Industria 4.0 .

     

    DOTAZIONE FINANZIARIA

    Per la realizzazione del presente bando è stanziato un importo complessivo di € 6.760.062,31 di cui € 4.776.467.85 a valere sull’ Asse 1 – OS 1 – Azione 1.3 “Promuovere i processi d’innovazione aziendale e l’utilizzo di nuove tecnologie digitali ed € 1.983.594,46 a valere sull’asse 8 – OS 21  – Azione 21.1 “ Sostegno agli investimenti produttivi al fine del rilancio della crescita economica e della competitività” esclusivamente per le imprese localizzate nell’area del cratere e Comuni limitrofi.

     

    PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA E TEMPISTICHE

    La domanda di partecipazione) dovrà essere presentata a partire dall’ 11 febbraio 2019 ed entro il 3 aprile 2019. Fa fede la data della ricevuta rilasciata dal sistema informatico SIGEF.

     

    Il programma di investimento dovrà essere avviato solo successivamente alla data di presentazione della domanda di partecipazione e comunque al massimo entro e non oltre 15 giorni a partire dalla data di ricevimento del decreto di concessione delle agevolazioni

     

    SOGGETTI BENEFICIARI

    Possono beneficiare delle agevolazioni previste dal presente bando le MPMI (micro, piccole e medie imprese) marchigiane, in forma singola, che si impegnino ad attivare, in data antecedente a quella della prima erogazione dell’agevolazione (a titolo di anticipo o di stato avanzamento lavori) e comunque entro 6 mesi dalla data di inizio dell’attività almeno un tirocinio di inserimento/reinserimento al lavoro.

    I tirocinanti devono essere in possesso, prioritariamente, di un titolo di studio, o di formazione professionale post diploma o post laurea e/o di esperienza lavorativa almeno biennale. Inoltre, i tirocinanti non devono avere rapporto di parentela con le persone fisiche proprietarie, titolari o soci dell’impresa ospitante.

     

    Possono beneficiare le imprese che al momento di presentazione della domanda:

     

    1. sono iscritte nel Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura (CCIAA) territorialmente competente;
    2. hanno l’attività economica principale, come risultante dal certificato CCIAA alla data di presentazione della domanda, rientrante nelle seguenti attività economiche ( classificazione ATECO 2007):
    • B  Estrazione di minerali da cave e miniere con esclusione dei codici 05.10.0, 05.20.0, 08.92.0;
    • C Attività Manifatturiere;
    • D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata;
    • E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento;
    • F Costruzioni;
    • J Limitatamente al codice 61-Telecomunicazioni e al codice 62 – Produzione di software, consulenza informatica e attività connesse
    • M limitatamente al codice 71 (attività degli studi di architettura e d’ingegneria; collaudi ed analisi tecniche) e  al codice 72 – Ricerca Scientifica e Sviluppo
    • N Limitatamente ai codici 78 – Attività di ricerca, selezione, fornitura di personale 82 – Attività di supporto per le funzioni d’ufficio e altri servizi di supporto alle imprese
    1. hanno l’unità produttiva, sede dell’investimento, sul territorio regionale. Qualora all’atto della presentazione della domanda il beneficiario non abbia la sede dell’investimento sul territorio regionale, l’apertura della sede dovrà essere comunicata all’amministrazione regionale entro la data della prima erogazione dell’agevolazione (a titolo di anticipo o SAL intermedio o saldo).

    TIPOLOGIE DI INVESTIMENTI AMMISSIBILI

    1. Automazione industriale: automazione dei magazzini, manipolazione automatizzata, assemblaggio automatizzato, integrazione della visione artificiale nelle celle di produzione, automazione dello smaltimento rifiuti, tecnologie avanzate per il controllo qualità dei processi e dei prodotti.

     

    1. Smart and Digital Factories: applicazione di tecnologie basate sull’ Internet of Things (IoT) (ad esempio sensori da applicare alla linea per ottenere dati sul prodotto o sull’efficienza della linea produttiva), sistemi di produzione per migliorarne la flessibilità, la capacità di interazione con l’operatore umano, la qualità del processo produttivo (es. linee di produzione intelligenti con auto-monitoraggio e correzione), la sicurezza e la sostenibilità (riduzione impatto ambientale, riduzione utilizzo risorse, quali ad esempio energia e acqua).

     

    1. Sistemi produttivi flessibili: sistemi robotizzati “intelligenti”, anche cooperativi tra loro e con l’uomo, interfacce evolute uomo-macchina, sistemi di programmazione e pianificazione intelligente dei compiti, sistemi di pianificazione dei compiti per il miglioramento dell’efficienza energetica dei processi, robotica mobile, ecc.

     

    1. Produzione rapida: sistemi e servizi per realizzare, mediante tecnologia additiva, la produzione definitiva, nel materiale finale direttamente dal modello matematico, realizzato al CAD tridimensionale, senza l’impiego di utensili e attrezzature. Questa attività è molto importante per la aziende produttrici di beni di largo consumo, in termini di riduzione del time to market. Si prevede quindi l’adozione di tecnologie digitali avanzate a supporto dei processi produttivi caratteristici dell’azienda (stampa 3D, prototipazione rapida, produzione rapida di componenti in metallo, sistemi di reverse engineering, ossia rilevazione di forme di oggetti reali per ottenerne rappresentazioni digitali, a supporto della modellazione CAD per la prototipazione rapida).

     

    1. Progettazione e sviluppo di prodotti multifunzione, modulari e configurabili: metodologie e strumenti che supportino la razionalizzazione del processo di progettazione e che permettano di realizzare/configurare prodotti; acquisizione di metodologie e strumenti innovativi per la modularizzazione di prodotti che possano garantire una migliore qualità fornita al cliente (ad esempio facilitare la personalizzazione di prodotti per rispondere alle esigenze specifiche del cliente, come abbigliamento su misura, calzature su misura, ecc.); acquisizione di metodologie e strumenti di simulazione/progettazione, come ad esempio sistemi CAD 3D avanzati in grado di ridurre i tempi di messa a punto delle soluzioni (ad esempio la simulazione di attrezzature modulari o di stampi configurabili per facilitare la realizzazione di produzioni diverse).

     

    1. Progettazione di prodotti di alta qualità attraverso tecnologie digitali innovative di modellazione e simulazione del prodotto e del sistema di produzione: il processo di progettazione di sistemi meccatronici e di prodotti del Made in Italy richiede un’attenta gestione di molti aspetti, data anche la complessità stessa dei prodotti. Strumenti avanzati e specifici per questo settore possono senz’altro rendere più efficiente sia l’ideazione delle soluzioni che la loro simulazione attraverso prototipi virtuali. In questo contesto tecnologie di prototipazione virtuale di prodotti e processi di produzione che inglobino in uno strumento informatico le regole e l’esperienza degli operatori esperti di settore possono aiutare a tendere verso la concretizzazione dell’ ”artigianato tecnologico”.

     

    1. Progettazione integrata (progettazione simultanea prodotto-processo-sistema, ad esempio prevedendo fin dalla progettazione le successive fasi del ciclo di vita come lo smontaggio e il riciclaggio dei materiali): la progettazione simultanea prodotto-processo consente l’accorciamento del tempo per il lancio della produzione in quanto permette di evitare in fase di ingegnerizzazione le revisioni necessarie al disegno funzionale per la sua trasformazione in disegno di lavorazione. Inoltre consente di prevedere in fase di progettazione la fase finale del ciclo con le regole della progettazione integrata. Rientra in quest’ottica l’adozione di strumenti e metodi di supporto alla progettazione orientati alla valutazione, in fase di progettazione, di tutte le variabili delle fasi successive del ciclo di vita, come ad esempio la producibilità, l’assemblabilità, la riciclabilità, lo smontaggio, il costo di produzione ecc..

     

    1. Realizzazione del sistema di etichettatura per la tracciabilità del prodotto: metodologie e strumenti che consentano di conoscere ogni singola fase di lavorazione a tutela del consumatore e ad identificazione della provenienza, tenendo conto della sicurezza ecologica, ambientale e della tutela della salute, dall’acquisto della materia prima al confezionamento (etichettatura di qualità).

     

    1. Sviluppo di prodotti-servizi, di servizi post vendita e manutenzione del prodotto: sistemi in cui la proposta di valore è data sia dal prodotto che dal servizio ad esso collegato, che potrebbe evolvere nel tempo a variare delle esigenze dell’utente; servizi di controllo e monitoraggio continui in grado di prevenire possibili guasti e garantire una migliore gestione della  manutenzione,  lo sviluppo di modelli diagnostici avanzati in grado di migliorare l’affidabilità e la qualità del prodotto e di creare valore per il cliente con nuovi servizi. In quest’ottica le tecnologie IoT rappresentano un elemento abilitante il processo di servitizzazione delle aziende.

     

    SPESE AMMISSIBILI

    Sono ammissibili alle agevolazioni del presente bando le spese relative alle seguenti voci:

     

    1. acquisto di beni strumentali nuovi, funzionali alla trasformazione tecnologica e/o digitale delle imprese in chiave Industria 4.0, comprese le relative spese di installazione;

     

    1. acquisto di beni immaterialisoftware, sistemi e /system integration, piattaforme e applicazioni, comprese le relative spese di installazione;

     

    1. acquisizione  di Know how e di servizi di sostegno all’innovazione, strettamente connessi alla realizzazione del programma di investimento, nella misura massima del 30% del totale delle spese previste dal programma di investimento;

     

    1. spese per il personale attivato mediante tirocinio e ospitato in azienda ai fini degli obiettivi previsti dal presente bando, nella misura del 60% della spesa riconosciuta;

     

    1. perizia tecnica giurata o attestato di conformità, nella misura massima di € 2.000,00;

     

    1. costo della Fidejussione, in caso di richiesta di anticipo, nella misura massima di € 2.000,00.

     

    Inoltre, con risorse derivanti dal POR MARCHE FSE 2014-2020, potranno essere finanziate le seguenti misure connesse al presente bando:

     

    1. aiuto all’assunzione per la trasformazione del tirocinio in contratto di lavoro subordinato o per l’assunzione di personale aggiuntivo;

     

    1. voucher formativi finalizzati a creare e diffondere la cultura dell’innovazione e ad aumentare le conoscenze e le competenze professionali nelle nuove tecnologie ICT e nelle tecnologie del manifatturiero avanzato di lavoratori, manager ed imprenditori coinvolti.

     

    SOGLIA MINIMA DI INVESTIMENTO E CONTRIBUTO MASSIMO CONCEDIBILE

    Il costo totale ammissibile del programma di investimento presentato a valere sul presente bando non deve essere inferiore a € 25.000,00. Il contributo massimo concedibile non potrà essere superiore € 200.000,00.

     

    Il programma di investimento deve essere avviato successivamente alla data di presentazione della domanda di partecipazione al presente bando, fatta eccezione per le imprese che opteranno per il regime “de minimis”.

     

    Il programma di investimento dovrà essere concluso entro 15 mesi dalla data del decreto di concessione del finanziamento, fermo restando che dette spese possono essere quietanzate entro i successivi 60 giorni.

     

    INTENSITA’ DELL’AGEVOLAZIONE

    Il presente bando è attuato ai sensi del Reg. (UE) n. 651/2014 e s.m.i. (Regolamento generale di esenzione) della Commissione del 17 giugno 2014 ed in particolare nel rispetto delle disposizioni di cui all’art. 14 17, 28 o, a scelta del proponente, ai sensi Reg. (UE) n. 1407 /2013 e s.m.i. ( “de minimis” ). L’agevolazione consiste in un contributo in conto capitale, per la realizzazione del programma di investimento, nella misura indicata nel seguente schema, in considerazione del regime di aiuti scelto dal beneficiario, che verrà applicato per tutte le tipologie di spesa richieste, fatta eccezione per le spese di cui ai punti 4, 5 e 6 del paragrafo 3.2, per le quali il regime di aiuti da applicare dovrà essere unicamente quello previsto dal Reg. (UE) n. 1407 /2013.

     

    REGOLE DI CUMULO

    Il contributo pubblico concesso ai sensi del presente bando è cumulabile, per i medesimi costi ammissibili, con altre agevolazioni pubbliche (previste da norme comunitarie, statali, regionali) nel rispetto della normativa applicabile in materia di aiuti di stato ed in particolare nel rispetto delle intensità d’aiuto massime previste in tema di aiuti di Stato (indicare la tipologia dell’aiuto es.: ricerca e sviluppo, altri regimi in esenzione etc.) dalla Commissione Europea.

    Tale intervento è inoltre cumulabile, per gli stessi beni, con gli incentivi di carattere fiscale previsti, nell’ambito del “Piano Nazionale Impresa 4.0”,  dalla legge n. 232/2016 (legge di Bilancio 2017), art. 1, commi 8 – 13, così come modificata  dalla legge 27 dicembre 2017 n. 205 –  legge di  Bilancio 2018.

     

    AIUTI ALL’ASSUNZIONE

    Ai beneficiari del presente bando potrà essere riconosciuto un ulteriore contributo a fondo perduto, finanziato con risorse derivanti dal POR MARCHE FSE 2014-2020, attraverso uno specifico Avviso da parte della PF ”Promozione e sostegno alle politiche attive per il lavoro, corrispondenti servizi territoriali e aree di crisi”, nel caso di trasformazione del tirocinio in contratto di lavoro subordinato o di assunzione di lavoratori che risultino aggiuntivi, rispetto all’ organico risultante al momento della presentazione della domanda e coerenti, rispetto al programma di investimento presentato, pari a:

     

    • € 10.000,00 per assunzioni a tempo indeterminato;

     

    • € 5.000,00 per assunzioni a tempo determinato di almeno 24 mesi.

     

    Detti importi sono elevabili del 30% in caso di assunzione di lavoratori disabili aggiuntivi alla quota di collocamento obbligatorio e del 10% per lavoratori/lavoratrici di età superiore ai 45 anni o donne.

     

    Le predette percentuali non sono cumulabili.

    Nel caso di assunzione con contratto part-time, gli incentivi sono proporzionalmente ridotti.

     

    MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

    La Domanda di partecipazione, dovrà obbligatoriamente essere presentata secondo le modalità di seguito indicate, pena l’esclusione.

    La domanda deve essere compilata on line utilizzando la procedura di invio telematico disponibile all’indirizzo internet  https://sigef.regione.marche.it   mediante:

    • caricamento su SIGEF dei dati previsti dal modello di domanda;
    • caricamento su SIGEF degli allegati;
    • sottoscrizione della domanda da parte del richiedente in forma digitale mediante specifico kit per la firma digitale tra cui l’utilizzo di smart card e specifico lettore, token USB altra carta nazionale dei servizi dotata di certificato di firma digitale abilitata al sistema; è a carico dei richiedenti la verifica preventiva della compatibilità con il sistema del kit per la firma digitale che intendono utilizzare;
    • trasmissione al protocollo informatico della Regione Marche – PALEO e relativa ricevuta che attesta la data e l’ora di arrivo.

     

    MODALITA’ DI ISTRUTTORIA

    La selezione delle richieste di agevolazione avverrà con procedura valutativa a graduatoria.

    L’attività istruttoria regionale verrà svolta della P.F.  Innovazione, Ricerca e Competitività del Servizio Attività Produttive, Lavoro e Istruzione della Regione Marche.

     

    L’iter procedimentale delle domanda si articola nelle seguenti fasi:

     

     

    1. istruttoria di ammissibilità; in relazione alla suddetta istruttoria verranno esaminate: la completezza della domanda, le cause di inammissibilità della domanda, vale a dire cause che impediscono alla domanda di accedere alla successiva fase di valutazione;
    2. valutazione: le domande presentate verranno valutate  da apposita Commissione nominata con Decreto del Dirigente della P.F. “Innovazione, Ricerca e Competitività” successivamente alla pubblicazione del presente Bando nel BUR della Regione Marche.
    • La valutazione sarà effettuata sulla base dei criteri di valutazione che fanno riferimento alle Modalità Attuative del Programma Operativo (MAPO) della Regione Marche – Programma Operativo Regionale (POR) – Fondo Europea di Sviluppo Regionale (FESR) – 2014-2020” approvato con Deliberazione della Giunta Regionale n. 1143 del 21.12.2015.
    • Saranno ammesse a finanziamento tutte le domande di partecipazione pervenute, che in base alla graduatoria di merito avranno raggiunto un punteggio totale pari o superiore a 60/100, ed un peso dei punteggi acquisiti per ciascuno dei due macro criteri (Qualità ed Efficacia) non inferiore al 50% di quello massimo previsto, fino alla concorrenza delle risorse stanziate;

     

    1. approvazione  graduatorie delle domande ammesse a finanziamento:  con apposito Decreto del Dirigente della P.F. “Innovazione, Ricerca e Competitività”, pubblicato sul sito www.norme.marche.it  ai sensi della DGR n. 573/16, sul sito istituzionale www.regione.marche.it e nel sito dell’AdG (www.europa.marche.it; ), verrà approvata la graduatoria per le imprese localizzate nell’area del cratere e Comuni limitrofi, a valere sulle risorse di cui all’azione 21.1 e la  graduatoria per le imprese fuori area del cratere a valere sulle risorse di cui all’azione 1.3.

     

    1. Comunicazione esiti istruttori ed accettazione contributo
    • La Regione, tramite inoltro all’indirizzo di P.E.C. indicato sulla domanda di partecipazione, comunica alle imprese gli esiti istruttori entro il 15° giorno successivo alla data di approvazione della graduatoria.
    • Accettazione esiti istruttori: entro i successivi 15 giorni dalla ricezione di quanto sopra le imprese beneficiarie devono trasmettere la lettera di accettazione, indicando la data di avvio delle attività.

     

    CRITERI DI VALUTAZIONE

     

     

     

     

    Vuoi avere maggiori informazioni?
    Contatta i nostri consulenti!