Business Navigator

La rotta per lo sviluppo della tua impresa
Business Navigator

Da oggi è ancora più facile e conveniente ottenere il tuo BUSINESS NAVIGATOR.

Grazie al VOUCHER DELLA CCIAA DI FERMO potrai richiedere un contributo che abbatte la spesa di consulenza.

 

logo cosvim confidi
  • scrivici
  • FAQ
  • logo cosvim confidi
    area riservata cosvim advice
  • scrivici
  • FAQ
  • cosvim advice
  •  

    Alla soglia dei 25 anni di attività al fianco delle imprese per sostenerle nell’ accesso al credito Cosvim Group amplia e aggiorna la propria offerta. L’obiettivo è quello di offrire al cliente un approccio personalizzato che parte dalle sue esigenze per individuare e proporre nuove opportunità alle piccole e medie imprese che intraprendono un percorso di cambiamento e crescita.

    Quindi, per queste imprese che possono crescere e che vogliono farlo, Cosvim Group mette al loro servizio il consulente di finanza d’impresa, una figura professionale in grado di analizzare la struttura finanziaria dell’impresa e proporre, ove necessario, soluzioni integrate per migliorare la gestione della tesoreria e ottimizzare le fonti di finanziamento.

     

    CHI E’ IL CONSULENTE DI FINANZA D’IMPRESA COSVIM

    E’ un esperto che offre ai clienti un supporto professionale integrato per prendere le decisioni finanziarie più idonee alla propria azienda. Offrono consulenza sia in abito di finanza ordinaria, sia in ambito di finanza agevolata e innovativa.

     

    COME SI AMPLIA L’OFFERTA COSVIM

    Integriamo il modello di consulenza tradizionale con un nuovo modello di assistenza continuativa: da un lato, proponiamo interventi spot con servizi basati su specifiche esigenze di breve termine; dall’altro, assistiamo l’impresa con una consulenza continuativa. L’obiettivo è offrire una struttura di interventi e servizi mediante una continua relazione di contatto, che renda il consulente un partner, una risorsa per un processo di cambiamento strutturato.

    Tramite i nostri esperti siamo oggi in grado di offrire una struttura di relazioni organizzata e referenziata che consenta di cogliere le opportunità create dal mercato allargato e dalla globalizzazione valorizzando le specificità delle realtà locali in cui siamo presenti.

    Per la piccola e media impresa italiana, infatti, la territorialità è un valore aggiunto: i nostri consulenti condividono la cultura locale dell’impresa cliente e ne conoscono le caratteristiche.  Queste relazioni sono messe al servizio dei propri clienti per avviare processi e relazioni con:

    • Centri Imprese dei principali gruppi bancari
    • Soggetti non bancari in grado di smobilizzare crediti sia verso privati sia verso la PA o di erogare finanziamenti diretti all’impresa
    • Soggetti alternativi al canale bancario che permettono di gestire il credito commerciale o la gestione di beni d’uso senza aggravare il ricorso a fonti di finanziamento bancario
    • Fondi di investimento che sottoscrivono obbligazioni emesse dall’impresa per finanziare il proprio sviluppo
    • Soggetti operanti nel Venture capital e nel Crowfunding
    • Soggetti abilitati a seguire il percorso della quotazione presso la Borsa Italiana.

    L’obiettivo è assicurare alle imprese canali preferenziali di interlocuzione costruiti sulle singole e specifiche esigenze.

     

    QUALI SONO LE NOSTRE AREE DI INTERVENTO

    • Finanza strategica
    • Verifica di finanziabilità dei progetti d’investimento
    • Finanza agevolata
    • Ristrutturazione del debito
    • Ricerca capitali privati che finanziano lo sviluppo d’impresa sia interno che esterno attraverso acquisizioni

     

     

    Vuoi avere maggiori informazioni?
    Contatta i nostri consulenti!

     

     

     

    Nel quadro delle proprie iniziative istituzionali per promuovere lo sviluppo e la competitività delle imprese e del territorio, la Camera di Commercio di Ascoli Piceno, considerata la necessità di contribuire al mantenimento dei livelli occupazionali e della forza competitiva delle imprese della provincia, intende sostenere finanziariamente le imprese che realizzano progetti di investimento nel 2018.

    Le domande dovranno pervenire, a partire dalla data di pubblicazione, entro il 30 novembre 2018  esclusivamente per via telematica al seguente indirizzo di posta elettronica certificata della Camera di Commercio cciaa@ap.legalmail.camcom.it  indicando nell’oggetto “Bando investimenti 2018”.

    Per maggiori dettagli è possibile consultare il bando

     

    Vuoi avere maggiori informazioni?
    Contatta i nostri consulenti!

     

     

    Il programma Erasmus per giovani imprenditori aiuta gli aspiranti imprenditori europei ad acquisire le competenze necessarie per avviare e/o gestire con successo una piccola impresa in Europa. I nuovi imprenditori apprendono e scambiano conoscenze e idee di business con imprenditori già affermati, dai quali vengono ospitati e con i quali collaborano per un periodo da 1 a 6 mesi. Il soggiorno è cofinanziato dalla Commissione europea.

     

    BENEFICI

    Se siete nuovi imprenditori, avrete l’opportunità di vivere un’esperienza di formazione sul posto di lavoro presso una PMI
    con sede in un altro paese partecipante al programma. Ciò vi aiuterà ad avviare con successo la vostra attività o a rafforzare le basi dell’impresa che avete costituito di recente. Non solo: potrete affacciarvi su nuovi mercati, intraprendere rapporti di collaborazione internazionale e sfruttare potenziali occasioni di cooperazione con partner stranieri.

    Se siete imprenditori già affermati, potrete trarre beneficio da una mente motivata e pronta ad alimentare la vostra attività con idee innovative. Il vostro ospite potrebbe essere dotato di competenze o conoscenze specializzate in un ambito che non dominate, magari complementare al vostro. La maggior parte degli imprenditori esperti che hanno aderito al programma sono rimasti talmente entusiasti dello scambio che hanno deciso di ripetere l’esperienza.

    Si tratta senza dubbio di una collaborazione da cui entrambe le parti possono trarre enormi benefici, poiché offre tanto agli uni quanto agli altri nuove opportunità di mercato a livello europeo, la possibilità di individuare nuovi partner commerciali e di scoprire modi diversi di fare affari.

    Sul lungo termine, i vantaggi potrebbero estendersi alla creazione di un’ampia rete di contatti e alla decisione di continuare la cooperazione, magari come partner stabili in affari (ad es. concludendo un accordo di joint venture, stipulando subcontratti, definendo rapporti di fornitura, ecc.).

     

    COME FUNZIONA IL PROGRAMMA

    Il programma “Erasmus per giovani imprenditori” è finanziato dalla Commissione europea e opera su tutto il territorio dei Paesi partecipanti grazie alla collaborazione di centri di contatto locali attivi nel settore del sostegno alle imprese (quali Camere di commercio, centri di appoggio alle imprese start-up, incubatori di imprese, ecc.). Le loro attività sono coordinate a livello europeo dall’Ufficio di Supporto del programma.

    Per maggiori informazioni sulle condizioni di partecipazione, è possibile consultare la guida al programma.

     

    Vuoi avere maggiori informazioni?
    Contatta i nostri consulenti!

     

     

     

    La regione Puglia programma investimenti volti al rafforzamento dell’internazionalizzazione dei sistemi produttivi e delle imprese pugliesi.

    L’Avviso Voucher Fiere 2018-2019 è volto a sostenere le strategie di esportazione e di promozione internazionale del sistema produttivo regionale così da favorire una maggiore partecipazione delle MPMI pugliesi a manifestazioni fieristiche internazionali in Italia e all’estero, attraverso la concessione di voucher, sotto forma di contributi a copertura parziale delle spese di partecipazione agli eventi fieristici.

     

    BENEFICIARI

    Possono presentare domanda di voucher le micro, piccole e medie imprese che, al momento della presentazione della domanda, siano in possesso dei seguenti requisiti:

    • Avere una sede operativa in Puglia;
    • Essere regolarmente costituite e iscritte nel Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura competente per territorio;
    • Non essere sottoposte a procedure di fallimento, liquidazione, concordato preventivo, amministrazione controllata o altre procedure concorsuali anche nel quinquennio precedente alla domanda;
    • Non rientrare tra coloro che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione Europea;
    • Operare nel rispetto delle vigenti norme edilizie ed urbanistiche, del lavoro, sulla prevenzione degli infortuni e sulla salvaguardia dell’ambiente, con particolare riferimento agli obblighi contributivi;
    • Non essere stati destinatarie, nei 6 anni precedenti alla data di presentazione della domanda, di provvedimenti di revoca di agevolazioni pubbliche ad eccezione di quelli derivanti da rinunce da parte delle imprese;
    • Non trovarsi nelle condizioni tali da risultare impresa in difficoltà;
    • Non aver goduto o di non godere di altre agevolazioni a valere su normative regionali, nazionali o comunitarie per le stesse iniziative.

     

    SETTORI AMMISSIBILI

    Le aziende, ai fini dell’ammissibilità, devono svolgere le proprie attività, prevalenti o secondarie, in uno dei seguenti settori (secondo il Codice Ateco):

    • Settore manifatturiero (codice Ateco let. C);
    • Settore della fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (codice Ateco let. D);
    • Settore della raccolta, trattamento e fornitura di acqua, gestione delle reti fognarie, trattamento dei rifiuti e recupero materiali (codice Ateco let. E);
    • Settore delle costruzioni (codice Ateco let. F);
    • H 52 magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti;
    • J 58 attività editoriali;
    • J 59 produzione e post produzione di video, programmi televisivi e di registrazioni musicali;
    • J 62 produzione di software, consulenza informatica;
    • J 63 Attività dei servizi d’informazione ed altri servizi informatici;
    • M 71 Attività degli studi di architettura e d’ingegneria;
    • 1 attvità di design specializzate;
    • M 74.2 attività fotografiche;
    • R 90.01 rappresentazioni artistiche;
    • R 90.02 attività di supporto alle rappresentazioni artistiche.

     

    La partecipazione all’evento unitamente ad altre imprese facenti parte del medesimo consorzio o rete inibisce la partecipazione a livello individuale. Ciascuna impresa potrà beneficiare al massimo di 2 Voucher per la partecipazione a due differenti manifestazioni dietro presentazione di due distinte istanze.

     

     DOTAZIONE FINANZIARIA

    La copertura finanziaria è pari ad Euro 5.000.000,00

    L’agevolazione prevista consiste in un contributo a fondo perduto (Voucher) a parziale copertura dei costi di partecipazione alle fiere internazionali fin alla concorrenza del 50% delle spese ammissibili per l’importo massimo concedibile di  € 6.000,00 per fiere internazionali in Paesi Europei  compresa l’Italia e di € 9.000,00 per le fiere internazionali in Paesi Extra-europei.

     

    N.B. Ai fini dell’ammissibilità al contributo in caso di partecipazione a manifestazioni fieristiche internazionali in Italia, la relativa fiera deve essere ricompresa nell’elenco pubblicato sul sito www.calendariofiereinternazionali.it

     

    SPESE AMMISSIBILI

    Le spese ammissibili (si intendono al netto di Iva), riferite esclusivamente alla partecipazione a fiere si concludono entro il 31/12/2019, riguardano:

    • Affitto degli spazi espositivi (compresi costi di iscrizione, oneri e diritti fissi)
    • Servizi di allestimento e manutenzione spazi espositivi (servizi di pulizia, facchinaggio e allacciamento servizi di energia, illuminazione, acqua, internet, ecc.)
    • Costi di inserimento nel catalogo della manifestazione fieristica;
    • Servizi di hostess e di interpretariato;
    • Spese di spedizione dei materiali promozionali ed informativi e prodotti da esporre;
    • Spese di verifica preliminare dei requisiti di registrabilità e spese di domande di registrazione di marchi dell’UE al fine di proteggere tali marchi sui mercati internazionali.

    N.B. La partecipazione del legale rappresentante dell’azienda o di suo delegato aziendale è condizione di ammissibilità della  domanda.  Non sono ammissibili spese di viaggio, vitto e soggiorno connesse con la partecipazione alla manifestazione fieristica e tali spese rimangono in carico all’impresa richiedente.

     

    MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE  E TEMPISTICHE

    Le aziende interessate all’assegnazione del Voucher potranno presentare online specifica domanda di ammissione al contributo esclusivamente inviando la richiesta a mezzo pec alla casella bandofiere@pec.rupar.puglia.it.  Le domande dovranno pervenire prima della data di inizio dell’evento a cui si intende partecipare.

    I voucher saranno assegnati nei limiti delle risorse disponibili.

    L’impresa beneficiaria deve presentare la pratica di rendicontazione unitamente alla relativa documentazione entro 30 giorni dalla data di conclusione della fiera per la quale il Voucher è stato assegnato.

     

     

    Vuoi avere maggiori informazioni?
    Contatta i nostri consulenti!

     

     

    SOGGETTI BENEFICIARI/DESTINATARI DEL CONTRIBUTO

    I soggetti beneficiari del contributo sono le imprese di autotrasporto merci per conto terzi, iscritte al Registro Elettronico Nazionale (R.E.N.) e all’Albo degli autotrasportatori di cose per conto terzi.

    FINALITA’ DEL CONTRIBUTO

    Le agevolazioni sono concesse per il rinnovo ed adeguamento tecnologico del parco veicolare e per l’acquisizione di beni strumentali per il trasporto intermodale.

    MISURA DEL CONTRIBUTO

    In relazione agli investimenti effettuati, il contributo previsto varia da un minimo di € 4.000 ad un massimo di € 20.000 per singolo veicolo, rimorchio, semirimorchio o equipaggiamento.
    Gli investimenti devono essere portati a termine entro il 15/04/2019 e gli stessi beni acquisiti devono rimanere di proprietà dell’azienda fino al 31/12/2021.

     

    TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

    Le domande dovranno essere presentate entro il 15/04/2019

     

    TIPOLOGIA DI INVESTIMENTI AMMESSI

    Sono ammessi gli investimenti – anche tramite locazione finanziaria – per:

    a) acquisto di autoveicoli nuovi di fabbrica adibiti al trasporto di merci di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 3,5 tonnellate a trazione alternativa a metano CNG, gas naturale liquefatto LNG, ibrida (diesel/elettrico) e elettrica (Full Electric), nonché per l’acquisizione di dispositivi idonei ad operare la riconversione di autoveicoli per il trasporto merci a motorizzazione termica in veicoli a trazione elettrica;

    b) radiazione per rottamazione di veicoli pesanti di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 11,5 tonnellate, con contestuale acquisizione di veicoli nuovi di fabbrica conformi alla normativa euro VI di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 11,5 tonnellate;

    c) acquisto di rimorchi e semirimorchi, nuovi di fabbrica, per il trasporto combinato ferroviario (normativa UIC 596-5) e per il trasporto combinato marittimo dotati di ganci nave (normativa IMO), dotati di dispositivi innovativi volti a conseguire maggiori standard di sicurezza e di efficienza energetica; acquisizione di rimorchi e semirimorchi o equipaggiamenti per autoveicoli specifici superiori a 7 tonnellate allestiti per trasporti in regime ATP;

    d) acquisto di casse mobili e rimorchi o semirimorchi porta casse così da facilitare l’utilizzazione di differenti modalità di trasporto in combinazione fra loro senza alcuna rottura di carico.

    I contributi sono maggiorati del 10% in caso di acquisti effettuati da PMI che ne facciano
    espressamente richiesta, nei seguenti casi:

    – per le acquisizioni ammissibili: dichiarazione sostitutiva secondo decreto 445/2000
    attestante numero di ULA e volume affari conseguito nell’ultimo esercizio fiscale;

    – se effettuate da imprese aderenti ad una rete di imprese: dichiarazione sostitutiva secondo decreto 445/2000 attestante numero di ULA e volume affari conseguito nell’ultimo esercizio fiscale, copia del contratto di rete.

    Le maggiorazioni sono cumulabili e si applicano entrambe sull’importo netto del contributo.

     

    Vuoi avere maggiori informazioni?
    Contatta i nostri consulenti!

     

    Archivio: News

    LA CONSULENZA INTEGRATA COSVIM GROUP AL SERVIZIO DELLE PMI

    07/11/2018
      Alla soglia dei 25 anni di attività al fianco delle imprese per sostenerle nell’ accesso al
    leggi +

    Il programma Erasmus per giovani imprenditori

    06/11/2018
      Il programma Erasmus per giovani imprenditori aiuta gli aspiranti imprenditori europei ad
    leggi +

    REGIONE PUGLIA: Contributi a fondo perduto per le spese di partecipazione a Fiere 2018-2019 in Italia e all’estero

    06/11/2018
      La regione Puglia programma investimenti volti al rafforzamento dell’internazionalizzazione dei
    leggi +

    CONTRIBUTI PER GLI INVESTIMENTI DELLE AZIENDE DI AUTOTRASPORTO

    06/11/2018
      SOGGETTI BENEFICIARI/DESTINATARI DEL CONTRIBUTO I soggetti beneficiari del contributo sono le
    leggi +