Business Navigator

La rotta per lo sviluppo della tua impresa
Business Navigator

Da oggi è ancora più facile e conveniente ottenere il tuo BUSINESS NAVIGATOR.

Grazie al VOUCHER DELLA CCIAA DI FERMO potrai richiedere un contributo che abbatte la spesa di consulenza.

 

logo cosvim confidi
  • scrivici
  • FAQ
  • logo cosvim confidi
    area riservata cosvim advice
  • scrivici
  • FAQ
  • cosvim advice
  •  

     

    L’articolo 20 del decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34 (decreto Crescita), ha innalzato da 2 a 4 milioni di euro l’importo dei finanziamenti concedibili a ciascun impresa per quanto concerne la  “Nuova Sabatini”. In virtù della predetta modifica normativa, le imprese possono presentare domanda di agevolazione utilizzando il nuovo modulo.

    La misura agevolativa in oggetto è stata potenziata dal Decreto crescita (Dl n. 34/2019, art 20 e 21) e nello specifico prevede:

    • un finanziamento fino a 4 milioni di euro concedibili per singola impresa;
    • un contributo MiSE in unica soluzione fino a 100mila euro;
    • un nuovo sostegno alla capitalizzazione.

    Come già segnalato nella nostra precedente news, la Nuova Sabatini, istituita dal Dl n. 69/2013, consiste in un finanziamento agevolato per le PMI che acquistano beni strumentali nuovi, software e tecnologie digitali. Il beneficio prevede anche l’intervento dello Stato con un contributo MiSE, che sostanzialmente copre gli interessi del finanziamento, calcolati al 2,75% per gli investimenti ordinari e al 3,575% per quelli in tecnologie digitali.

    Si precisa che le domande di agevolazione presentate dalle imprese alle banche e agli intermediari finanziari a decorrere dal 1° maggio 2019 (data di entrata in vigore del citato decreto-legge n. 34 del 30 aprile 2019), qualora comportino, in via cumulata, il superamento del precedente limite di finanziamento di 2 milioni di euro, saranno comunque accettate dal Ministero dello sviluppo economico, anche se presentate utilizzando il precedente modulo di domanda.

     

     

     

    Vuoi avere maggiori informazioni?
    Contatta i nostri consulenti!

     

     

    La finalità è quella di sostenere la creazione di nuove realtà produttive o di servizio con sede legale e/o operativa in regione, potranno essere finanziabili anche i liberi professionisti e gli studi professionali.

     

    SOGGETTI AMMISSIBILI

    I soggetti interessati per la creazione di nuove imprese devono essere:

    • residenti o domiciliati (domicilio da almeno 3 mesi) nella regione Marche;
    • disoccupati ai sensi del D.Lgs n. 150/2015;
    • avere un’età minima di 18 anni;

    I beneficiari sono le nuove realtà costituite (imprese e gli studi Professionali, Singoli e/o Associati e/o dei Liberi professionisti) che presentano i seguenti requisiti:

    Costituite DOPO la pubblicazione dell’Avviso e dopo l’invio della domanda da parte del richiedente;

    • Appartenenti a tutti i settori economici ad eccezione di quello agricolo;
    • di tutte le forme giuridiche e (individuali, società cooperative ecc) compresi gli Studi Professionali, Singoli e/o Associati e/o Liberi professionisti ;
    • aventi sede legale e/o operativa nel territorio regionale ed in particolare nella provincia di residenza (è in ogni caso indispensabile che l’impresa beneficiaria abbia almeno una sede operativa nel territorio regionale)

    Ai fini dell’erogazione del contributo è necessario essere iscritti alla Camera di Commercio, con apertura posizione INPS e INAIL, e che abbiano presentato comunicazione di inizio attività presso il Comune della Regione Marche in cui risiede l’impresa ed siano state avviate.

     

    SPESE AMMISSIBILI

    I costi ammissibili devono riferirsi all’acquisto e/o all’ammortamento di attivi materiali o immateriali, all’acquisizione di consulenze tecniche, nonché alle tipologie di spese funzionali a consentire la costituzione e l’avvio dell’attività d’impresa, nella misura necessaria alla realizzazione del programma di investimento proposto e nel rispetto delle pertinenti disposizioni comunitarie vigenti e sostenute dalla data di invio della domanda di contributo:

    1. spese di costituzione (onorario notarile, ecc. comprensivo di IVA, se non recuperabile);
    2. spese per la fideiussione;
    3. spese relative alle consulenze tecniche (consulenza fiscale, gestionale e marketing) nel limite massimo di euro 5.000,00;
    4. spese per l’acquisto di attrezzature e beni mobili (compreso l’acquisto di attrezzature e beni mobili usati);
    5. spese per affitto immobili nel limite di 12 mesi previsti per la realizzazione del progetto;
    6. spese pubblicitarie nel limite massimo di 7.000,00;
    7. spese relative ai canoni di leasing dei beni acquistati;
    8. Spese per l’acquisto o ammortamento di beni immateriali (brevetti, licenze d’uso, acquisto di hardware e software ( finalizzati all’informatizzazione ed all’allacciamento a reti informatiche).

    Possono essere ammessi a contributo i progetti che prevedano una spesa minima pari o superiore a 10.000,00 euro.

     

    ENTITA’ DEL CONTRIBUTO

    I contributi saranno concessi per un importo fino ad un massimo di 35.000,00 euro.

     

    SCADENZA

    Le domande potranno essere inviate entro la data del 31.12.2021, fatto salvo l’esaurimento delle risorse prima della data di scadenza.

     

     


    Vuoi avere maggiori informazioni?

    Contatta i nostri consulenti!

     

     

    SOGGETTI BENEFICIARI

     

    I soggetti beneficiari dei contributi sono le imprese artigiane, singole o associate iscritte all’albo delle imprese artigiane nel periodo dal 01/01/2017 e fino alla data di presentazione della domanda.

     

    SPESE AMMISSIBILI

     

    Sono ammissibili le spese relative all’acquisto di beni materiali ed immateriali e servizi rientranti nelle seguenti categorie:

     

    a) spese per macchinari e relativi impianti, hardware, attrezzature ed arredi nuovi di fabbrica e per strutture non in muratura e rimovibili necessari all’attività;

    b) spese per opere edili/murarie e impiantistica;

    c) spese di progettazione, direzione lavori connesse alle opere edili/murarie;

    d) spese notarili e costi relativi alla costituzione d’impresa (escluse tasse, imposte, diritti e bolli);

    e) spese per l’acquisto di mezzi di trasporto ad uso interno o esterno, ad esclusivo uso aziendale, con l’esclusione delle autovetture;

    f) spese per consulenze specialistiche finalizzate all’accompagnamento del beneficiario nella fase di realizzazione del progetto imprenditoriale ammesso a finanziamento nelle aree marketing, logistica, produzione, personale, organizzazione e sistemì informativi, economico finanziaria, contrattualistica;

    g) spese per programmi informatici acquisto e sviluppo di software gestionale, professionale e altre applicazioni aziendali inerenti all’attività dell’impresa e spese per la realizzazione del sito d’impresa, esclusi i costi dei successivi interventi di restyling;

    h) spese per la registrazione e sviluppo di marchi e brevetti e relative spese per consulenze

    i) spese per la realizzazione di materiale promozionale limitatamente ai seguenti casi: brochure, depliants, cataloghi, gadget e spese di pubblicità limitatamente ai seguenti casi: messaggi pubblicitari su radio, TV, cartellonistica, social network, banner su siti di terzi, Google AdWords (costi di pubblicazione inclusi);

    j) spese per l’acquisizione di servizi di mentoring aventi lo scopo di supportare l’imprenditore nella gestione nei primi 3 anni di attività per un costo massimo di €.1.000,00.

     

    I termini di validità della spesa decorrono per i progetti di cui alle lettere a), b) e c) dal 01/01/2017.

     

    ENTITA’ AGEVOLAZIONE

     

    Alle imprese può essere riconosciuto un contributo di importo non superiore a 25.000,00 euro per ciascun soggetto beneficiario e nel limite delle risorse finanziarie disponibili. I contributi sono concessi nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili. La spesa minima del progetto deve ammontare a € 10.000,00.

     

    SCADENZA

     

    E’ possibile presentare le domande fino al 15 luglio 2019.

     

     

     


    Vuoi avere maggiori informazioni?

    Contatta i nostri consulenti!

     

     

    SOGGETTI BENEFICIARI

     

    I soggetti beneficiari sono le imprese artigiane, singole, o associate che svolgono le attività artistiche previste dall’apposito elenco riportato dal bando (ved. ALLEGATO 1) e che hanno ottenuto il riconoscimento previsto dal DPR 288/2001 (riconoscimento che deve essere posseduto alla data di presentazione della domanda).Sono ammissibili gli interventi riguardanti:

    – Ammodernamento, ristrutturazione e mantenimento dei laboratori in proprietà o in locazione

    – Acquisto di impianti, macchinari, attrezzature, brevetti,

    – Commercializzazione di prodotti

     

    SPESE AMMISSIBILI

     

    1)LETTERA A): spese per opere murarie ed accessorie (impianti idrotermosanitari, elettrici, areazione, antincendio, climatizzazione, aspirazione, antifurto e di tutti gli impianti a rete) – spesa minima ammissibile  € 5.000,00.

    2) LETTERA C): spese per l’acquisto di nuovi macchinari nuovi e recupero di macchinari e attrezzature non reperibili sul mercato (per attrezzature e macchinari non reperibili si intendono quelli la cui fabbricazione è antecedente al 1980) e brevetti – spesa minima ammissibile € 10.000,00.

    3) LETTERA G): spese per la partecipazione a fiere/mercati riferite al solo costo per l’acquisto degli spazi e allestimento degli stand esclusivamente forniti dall’ente fiera ospitante (sono escluse le spese di viaggio, vitto, alloggio, hostess e acquisto spazi pubblicitari);

    – spese per la pubblicità aziendale riferite esclusivamente alla progettazione di: brochure, depliant, locandine, cartellonistica, manifesti, cataloghi (sono escluse le spese per la stampa / e diffusione);

    – spese per la realizzazione di siti internet e loro aggiornamento;

    – spese per progetti riferiti al commercio elettronico;

    – spese per la pubblicizzazione su testate giornalistiche radiofoniche e televisive. spesa minima ammissibile per gli interventi è fissata in € 5.000,00 per le imprese singole e in € 10.000,00 per i Consorzi, ATI, Rete di imprese.

    Sono ammissibili le spese riferite alla partecipazione ad un massimo di due manifestazioni fieristiche.

     

    4) LETTERE  A) C) G) in modalità integrata: le spese ammissibili sono ricomprese nei punti sopra indicati. spesa minima complessiva del progetto è pari a € 10.000,00

     

    ENTITA’ AGEVOLAZIONE

     

    I contributi per gli inerenti lettera a) c), g) sono concessi:

    • nella misura del 50% delle spese ritenute ammissibili e fino ad un massimo di € 25.000,00 per la lettera a) e c); € 15.000,00 per le imprese lettera g) e € 20.000,00 per i consorzi lettera g)
    • nella misura del 50% delle spese ritenute ammissibili e fino ad un massimo di € 10.000,00 per i progetti del precedente punto 4.

     

    SCADENZA

     

    E’ possibile presentare le domande dal 23 maggio 2019 al 15 luglio 2019.

     


    Vuoi avere maggiori informazioni?

    Contatta i nostri consulenti!

     

     

    Fondo Nazionale Efficienza Energetica

     

    COSVIM informa che è stato finanziato il Fondo Nazionale per l’efficienza energetica che favorisce gli interventi necessari per il raggiungimento degli obiettivi nazionali di efficienza energetica.

     

    Le risorse finanziarie stanziate ammontano a circa 185 milioni di euro e sono così suddivise

    1. 30% delle risorse per la concessione di garanzie su singole operazioni di finanziamento;
    2. 70% delle risorse per l’erogazione di finanziamenti a tasso agevolato.

     

    SOGGETTI BENEFICIARI

    Le agevolazioni possono essere concesse:

    – alle imprese di tutti i settori (eccetto pesca e agricoltura), in forma singola o in forma aggregata o associata, costituite da almeno 2 anni e iscritte nel registro imprese

    – ESCO (in forma singola o associata/aggregata quali Consorzi, Contratti di rete e ATI

     

    TIPOLOGIA INTERVENTI AMMISSIBILI

     

    • miglioramento dell’efficienza energetica dei processi e dei servizi, ivi inclusi gli edifici in cui viene esercitata l’attività economica;
    • installazione o potenziamento di reti o impianti per il teleriscaldamento e per il teleraffrescamento efficienti;
    • miglioramento dell’efficienza energetica dei servizi e/o delle infrastrutture pubbliche, compresa l’illuminazione pubblica;
    • miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici destinati ad uso residenziale, con particolare riguardo all’edilizia popolare;

     

    TIPOLOGIA DI SPESE AMMISSIBILI

    a) consulenze connesse al progetto di investimento con riferimento in particolare alle spese per progettazioni ingegneristiche relative alle strutture dei fabbricati e degli impianti, direzione lavori, collaudi di legge, progettazione e implementazione di sistemi di gestione energetica, studi di fattibilità nonché la predisposizione dell’attestato di prestazione energetica degli edifici e della diagnosi energetica degli edifici pubblici, nella misura massima complessiva del 10 per cento del totale dei costi ammissibili;

    b) le apparecchiature, gli impianti nonché macchinari e attrezzature varie (inclusi i sistemi di telegestione, telecontrollo e monitoraggio per la raccolta dei dati riguardanti i risparmi conseguiti) comprensivi delle forniture di materiali e dei componenti previsti per la realizzazione dell’intervento;

    c) interventi sull’involucro edilizio (opaco e trasparente) comprensivi di opere murarie e assimilate, ivi inclusi i costi per gli interventi di mitigazione del rischio sismico, qualora riguardanti elementi edilizi interessati dagli interventi di efficientamento energetico;

    d) infrastrutture specifiche (comprese le opere civili, i supporti, le linee di adduzione dell’acqua, dell’energia elettrica – comprensivo dell’allacciamento alla rete – del gas e/o del combustibile biomassa necessari per il funzionamento dell’impianto, nonché i sistemi di misura dei vari parametri di funzionamento dell’impianto).

     

    ENTITA’ E FORMA DELL’AGEVOLAZIONE

    a) garanzia su singole operazioni di finanziamento (comprensive di capitale ed interessi) e copre fino all’80% dei costi agevolabili per importi da 150.000 a 2.500.000 euro. Durata massima di 15 anni;

    b) finanziamento agevolato per gli investimenti, di importo non superiore al 70% dei costi agevolabili, a un tasso fisso pari a 0,25%, per importi compresi tra 250.000 e 4.000.000 euro. Durata massima 10 anni.

     

    SCADENZA

     

    Domande a partire dal 20 maggio 2019. Le domande sono valutate in base all’ordine cronologico di arrivo e non ci sono graduatorie.

     

     

     

    Vuoi avere maggiori informazioni sul bando

    o essere contattato dal nostro CT di riferimento?

     

     

    Archivio: News

    ANCORA NOVITA’ PER LA “NUOVA SABATINI”

    30/05/2019
        L’articolo 20 del decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34 (decreto Crescita), ha innalzato
    leggi +

    POR MARCHE FSE 2014-2020: SOSTEGNO ALLA CREAZIONE D’IMPRESA. STANZIATI 15.000.000 DI EURO

    27/05/2019
      La finalità è quella di sostenere la creazione di nuove realtà produttive o di servizio con
    leggi +

    BANDO REGIONE MARCHE: CONTRIBUTO PER LA NASCITA DI NUOVE IMPRESE ARTIGIANE

    25/05/2019
      SOGGETTI BENEFICIARI   I soggetti beneficiari dei contributi sono le imprese
    leggi +

    BANDO REGIONE MARCHE PER LO SVILUPPO DELL’ARTIGIANATO ARTISTICO, TIPICO E TRADIZIONALE

    24/05/2019
      SOGGETTI BENEFICIARI   I soggetti beneficiari sono le imprese artigiane, singole, o
    leggi +

    310 MILIONI PER L’EFFICIENZA ENERGETICA: DAL 20 MAGGIO E’ POSSIBILE RICHIEDERE GLI INCENTIVI

    24/05/2019
      Fondo Nazionale Efficienza Energetica   COSVIM informa che è stato finanziato il Fondo
    leggi +